Il nostro ultimo lavoro è il Tacuîn dl’anu 2021 spitascià da Gajà.

Il calendario, come il precedente dell’anno 1971, è infatti provvisto di onomastica adattata alle consuetudini locali, di solennità religiose e civili, di proverbi popolari, di ricordi e di consigli, di ricorrenze, di manicaretti di un tempo.

Quest’opera, dopo essere rimasta appesa per un anno, al muro della cucina a ricordarci le ricorrenze e i proverbi locali, andrà conservata insieme a tutte le altre «fatiche» del Gruppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *